Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Bruna Peyrot

Bruna Peyrot
autore
Claudiana

storica e saggista, presidente della Fondazione Centro culturale valdese (Torre Pellice), conduce da anni ricerche sulle identità, memorie e percorsi di costruzione democratica di singoli e gruppi in Europa e America latina. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Le «Istruzioni» di Giosuè Gianavello (con L. Perrone, Claudiana), La resistenza del silenzio. Per una proposta politica e democratica (Mimesis), Prigioniere della torre (Claudiana), Chi è l’America latina (L’Harmattan Italia), La Cittadinanza interiore (Città Aperta).


 


 


 

Titoli dell'autore

«Essere terra»

Le Valli valdesi tra storia, teologia, politica e cultura

di Bruna Peyrot

editore: Claudiana

pagine: 101

Caratteristiche delle Valli valdesi del Piemonte
10,00

Le Istruzioni di Giosuè Gianavello

Autori vari

editore: Claudiana

pagine: 134

Istruzioni militari del “bandito” valdese Gianavello
14,00

Prigioniere della Torre

Dall’assolutismo alla tolleranza nel Settecento francese

di Bruna Peyrot

editore: Claudiana

pagine: 319

La resistenza delle ugonotte nella Francia del Settecento, un romanzo storico
18,50

Gianavello

Bandito valdese

Autori vari

editore: Claudiana

pagine: 200

Il Leone di Rorà, l’eroe della resistenza valdese del ’600
14,90

Mediterraneo: un mare di spiritualità

Le donne dicono le fedi

editore: Claudiana

pagine: 184

Percorsi di spiritualità nel mediterraneo
3,13

Giosuè Gianavello

di Bruna Peyrot

editore: Claudiana

pagine: 64

Giosuè Gianavello (1617 - 1690) è uno dei personaggi più conosciuti e popolari della storia valdese. Visse nel terribile secolo delle persecuzioni contro la sua comunità che difese strenuamente. Egli scelse la resistenza armata fino all'esilio, impostogli come prezzo per la pace. A Ginevra, dove si mantenne facendo l'oste, divenne un punto di riferimento per tutti i valdesi cacciati dalla loro terra, per i quali scrisse le Istruzioni militari in vista del loro ritorno (1689). Gianavello si impresse miticamente nella memoria valdese. Le origini contadine, la praticità nel risolvere le situazioni, la fede decisa, ne fanno un esempio possibile per la gente semplice. L'attualità di Gianavello sta nel suo essere comune ed eccezionale, eroico e non eroico nello stesso tempo, un paysan e un credente. Non solo nel senso che era valdese e credeva in Dio, ma credeva in "qualcosa", una condizione ormai rara per il nostro mondo moderno.
1,00

Il Matto della Resistenza

Trasmissione intergenerazionale di un'idea

di Bruna Peyrot

editore: Claudiana

pagine: 139

Il passaggio culturale intergenerazionale tra resistenze e conflitti
14,50
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.