Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Tutti i prodotti: Claudiana

La Bibbia delle donne. Vol. 3

Le scritture apostoliche

editore: Claudiana

pagine: 285

17,04 4,26

Valdesi e valdismi medievali

di Grado G. Merlo

editore: Claudiana

pagine: 158

11,36 2,84

Lutero era antisemita?

di Lucie Kaennel

editore: Claudiana

pagine: 140

9,81 2,45

Come cambia la fede

Una prospettiva evoluzionistica

di Gerd Theissen

editore: Claudiana

pagine: 252

18,59 4,65

Il segreto delle nostre origini

La singolare attualità di Genesi 1-11

di Samuel Amsler

editore: Claudiana

pagine: 92

6,20 1,55

Le donne delle minoranze

Le ebree e le protestanti in Italia

editore: Claudiana

pagine: 336

17,56 4,39

Cristiani ed ebrei oggi

di Rolf Rendtorff

editore: Claudiana

pagine: 144

9,81 2,45

Il consenso cattolico-luterano sulla dottrina della giustificazione

Documenti ufficiali e commenti

editore: Claudiana

pagine: 106

7,75 1,94

Progresso scientifico e bioetica

di Giovanna Pons

editore: Claudiana

pagine: 64

4,00 1,00

Vivere con gli animali

La comunità delle creature di Dio

Autori vari

editore: Claudiana

pagine: 120

7,75 1,94

Contro i profeti celesti

Sulle immagini e sul sacramento (1525)

di Martin Lutero

editore: Claudiana

pagine: 384

La polemica di Lutero contro i "profeti celesti" non è contro un gruppo di persone, come suggerisce il titolo, ma contro Andrea von Bodenstein detto Carlostadio come prototipo e capostipite degli Schwärmer cioè "entusiasti", "fanatici", "esaltati" – come egli li definiva – e che incarnano quella tendenza che la storiografia più recente è solita chiamare "Riforma radicale" o "ala sinistra della Riforma". Il giudizio di Lutero ha pesato per secoli su questa area evangelica radicale e solo negli ultimi decenni si è cominciato a distinguere fra le diverse tendenze e i diversi gruppi – raccolti in un unico giudizio negativo da Lutero – molto diversi fra loro. Carlostadio era realmente il capostipite di queste tendenze? Per certi versi forse sì, per altri sicuramente no. Tra Lutero e lui vi fu uno scontro – il primo grande conflitto fra Riformatori – di temperamenti, strategie e teologie diversi. Carlostadio bruciò le tappe del processo riformatore, passando dalle parole ai fatti: introdusse la celebrazione della messa in tedesco e la comunione sotto le due specie; promosse l'abolizione delle immagini sacre, dei digiuni, della confessione auricolare ecc. Per certi aspetti Carlostadio praticava quel che Lutero predicava, per altri lo anticipava, per altri ancora lo contraddiceva. Con questo scritto Lutero persegue tre obiettivi: combattere Carlostadio; presentarlo come succube all'influenza altrui; colpire la tendenza teologica che egli incarna. È uno scritto di grande vigore che è riuscito ad arginare la diffusione del pensiero di Carlostadio e ci presenta due diverse sensibilità teologiche che al loro tempo si scontrarono come alternative.
21,69
18,59 4,65

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.