Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Le "Istruzioni" di Giosuè Gianavello – Inaugurazione esposizione

Dove

Via Roberto D'Azeglio, 10 Torre Pellice (TO)

Quando

sabato 29 settembre 2018
dalle 17.00 alle 19.00
Inaugurazione dell'esposizione di documenti dell'Archivio di Stato di Torino
Mostra delle Istruzioni militari di Gianavello del 1685-1689 e altri documenti dell'Archivio di Stato di Torino. Questo progetto ha il supporto dell'Amministrazione Comunale di Torre Pellice che ha messo a disposizione per l'esposizione la sala della Galleria Civica Scroppo e che si farà carico delle spese di assicurazione dei documenti, come richiesto dall'Archivio di Stato.

Aderiscono a questo progetto il Centro Culturale Valdese, la Società di Studi rorenghi, La Società di Studi Valdesi, il gruppo Janavel2017 e l'associazione Una Torre di Libri di Torre Pellice.

L'esposizione avverrà presso la Civica Galleria d'arte contemporanea Filippo Scroppo, in via Roberto d'Azeglio 10 a Torre Pellice (To), dal 29 settembre al 28 ottobre 2018. 
http://www.galleriascroppo.org/index.html


Giosuè Gianavello
Bruna Peyrot
Giosuè Gianavello (1617 - 1690) è uno dei personaggi più conosciuti e popolari della storia valdese. Visse nel terribile secolo delle persecuzioni contro la sua comunità che difese strenuamente. Egli scelse la resistenza armata fino all'esilio, impostogli come prezzo per la pace. A Ginevra, dove si mantenne facendo l'oste, divenne un punto di riferimento per tutti i valdesi cacciati dalla loro terra, per i quali scrisse le Istruzioni militari in vista del loro ritorno (1689). Gianavello si impresse miticamente nella memoria valdese. Le origini contadine, la praticità nel risolvere le situazioni, la fede decisa, ne fanno un esempio possibile per la gente semplice. L'attualità di Gianavello sta nel suo essere comune ed eccezionale, eroico e non eroico nello stesso tempo, un paysan e un credente. Non solo nel senso che era valdese e credeva in Dio, ma credeva in "qualcosa", una condizione ormai rara per il nostro mondo moderno.
Gianavello
Bandito valdese
Massimo Gnone, Bruna Peyrot
Il Leone di Rorà, l’eroe della resistenza valdese del ’600


Inserisci un commento

L'indirizzo email non verra' pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.