Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Ragazzo. Il paese morale

Ragazzo. Il paese morale
titolo Ragazzo. Il paese morale
sottotitolo Rilegato
autore
curatore
argomento Remainder
collana Fuori collana
marchio Claudiana
editore Claudiana
formato Libro
pagine 232
pubblicazione 04/2002
ISBN 9788870164084
 
6,25
 
Spedito in 2 giorni

Il libro in pillole

  • Il principale scrittore protestante italiano del XX secolo
  • Rigore morale e impegno civile in una scrittura "sperimentale"
  • I principali saggi pubblicati sulla "Voce" riguardo al rapporto tra protestantesimo e società italiana
  • Arricchisce il volume il saggio finale di Giorgio Bouchard: Piero Jahier: vittima e testimone del "secolo breve"
Uno scrittore protestante nella Firenze laica e innovatrice della "Voce", Piero Jahier. E un romanzo autobiografico degli anni '20, Ragazzo, uno dei primi e più arditi esempi - sempre in ambiente vociano - del rinnovamento novecentesco delle forme narrative. Il romanzo della sorda lotta dell'autore con l'Angelo: con la fede impietosa dei Padri e con la morte suicida del padre, il pastore Pier Enrico Jahier, vittima nel 1897 dei propri rimorsi puritani a seguito di un adulterio. La rievocazione, sincopata dai singhiozzi e folgorata dalle illuminazioni, di quel crimine originario e della successiva, ardua formazione del "ragazzo" nonché delle valli valdesi che ne accolgono il provvisorio e implacato ritorno di "apostata" dà vita a una narrazione febbrile e convulsa, oscillante fra gli abbandoni del salmo biblico e i dilemmi d'una laica indagine. In appendice a Ragazzo, Di Grado, curatore del volume e autore del saggio introduttivo, ripropone - sotto il titolo comune, felicemente riassuntivo, d'uno di essi, Il paese morale - una serie di articoli usciti sulla "Voce" in cui Jahier torna alle valli e alla fede riformata che vi ebbe e ha rifugio, all'impervio magistero di Calvino e alle peculiarità del protestantesimo italiano.
 

Biografia dell'autore

Piero Jahier,
nato a Genova nel 1884 e morto a Firenze nel 1966, fu scrittore innovativo e di talento. Di famiglia evangelica, oltre a Ragazzo, pubblicò Resultanze in merito alla vita e al carattere di Gino BianchiCanti di soldati e Con me e con gli alpini. Collaborò con le riviste "La Voce", "Lacerba" e "Riviera ligure". Fondò "L'Astico" e "Il nuovo contadino". Nel 1964 pubblicò infine la raccolta Poesie.

Antonio Di Grado
insegna letteratura italiana all'Università di Catania.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.